Il Gruppo

Edilizia in Italia: trasformazione digitale con BIM e ICMQ

Il Building Information Modeling (BIM) rappresenta una rivoluzione nell’approccio alla gestione del ciclo di vita delle costruzioni. A differenza delle metodologie tradizionali che si basano su scambi di disegni e riunioni di coordinamento, il BIM introduce l’uso di modelli detti “gemelli digitali“. Questi modelli rappresentano in modo virtuale l’intera opera, andando oltre la mera rappresentazione geometrica e includendo informazioni dettagliate su costi, tempi di esecuzione, caratteristiche dei materiali, e altro ancora.
In un contesto BIM, i professionisti coinvolti nel progetto non lavorano più su disegni separati, ma collaborano su un modello comune. Questo ambiente di condivisione delle informazioni consente di individuare interferenze e risolvere problemi in fase di progettazione anziché sul cantiere. L’interazione può avvenire a diversi livelli, dal lavoro indipendente su modelli specifici al lavoro simultaneo su un unico modello condiviso.

 

Certificazione ICMQ nel contesto BIM

ICMQ, in collaborazione con i principali portatori d’interesse del settore, ha sviluppato uno schema di certificazione del Sistema di Gestione BIM (SGBIM), ottenendo l’accreditamento da Accredia. Questo schema, conforme alla UNI/PdR 74:2019, stabilisce i requisiti per migliorare l’efficienza del processo di programmazione, progettazione, produzione, esercizio ed eventuale dismissione dell’opera. Parallelamente alla ISO 9001:2015, la certificazione SGBIM richiede evidenze sull’implementazione del BIM, dimostrando risorse, infrastrutture e processi specifici. Id 11, società appartenente a id group insieme a id BIM, ha ottenuto la certificazione a giugno 2023, fornendo ai clienti una garanzia circa l’elevato valore qualitativo dei servizi offerti dall’organizzazione e del suo reale modo di operare in linea con la metodologia BIM e gli standard ad essa legati. Se vuoi approfondire i dettagli della certificazione, vai qui.

Crescita esponenziale del BIM in Italia

Il mercato italiano del BIM ha sperimentato una crescita notevole, trainata dalla legislazione e dalla sua obbligatorietà nel nuovo Codice degli Appalti. Questa spinta è stata ulteriormente consolidata dalla digitalizzazione del settore edile, supportata dai fondi del PNRR, generando un aumento significativo di bandi di gara e richieste da parte di grandi committenti. Il BIM si è affermato come elemento cardine per l’efficienza, l’interoperabilità e la sostenibilità nel settore, alimentando la crescente domanda di certificazioni di competenze e SGBIM.

 

Certificazione di Competenze e SGBIM

Il numero di esperti BIM certificati secondo UNI 11337-7 e Pdr/UNI 78 è salito a 2063, e l’82% di questi certificati è stato rilasciato da ICMQ. Questo dato riflette la crescente richiesta di competenze BIM certificate e la fiducia delle imprese nel processo di certificazione di ICMQ.
In conclusione, il BIM sta rivoluzionando il settore delle costruzioni, offrendo un approccio integrato e digitale alla gestione del ciclo di vita delle opere. La certificazione ICMQ nel Sistema di Gestione BIM garantisce standard elevati e dimostra l’impegno delle aziende verso una corretta implementazione del BIM. Con la crescita continua del settore in Italia, la certificazione ICMQ diventa un elemento chiave per dimostrare competenza e qualità nella trasformazione digitale del mondo delle costruzioni.

Il Gruppo

ARCHITETTURA, INGEGNERIA, INNOVAZIONE

SICUREZZA E QUALITà

IMPIANTI ELETTRICI, IDRAULICI E MECCANICI

AMBIENTE E SOSTENIBILITà

CONSULENZA E PROGETTAZIONE BIM